Visualizza versione touch

Notizie

Meccatronico : sbloccate le iscrizioni di nuove imprese

13 marzo 2013

Il Ministero dello Sviluppo Economico con la circolare n. 3659 – rivolta in primis alle Camere di Commercio risponde in maniera più che dettagliata ai diversi problemi di natura applicativa che la legge sulla meccatronica ha posto, primo tra tutti il blocco delle iscrizioni di nuove imprese nel settore dell’autoriparazione.
Dalla lettura della sostanziosa circolare ministeriale si evince che l’interpretazione della norma e le proposte dell’associazione (mirate a superare i problemi applicativi che sono stati evidenziati dalla categoria in questi primi 2 mesi dall’entrata in vigore della legge) hanno ricevuto l’assenso pieno da parte del ministero.
Rilevati i problemi di natura applicativa della “legge Delfino”, al cui interno pesava in modo particolare la questione del blocco dell’iscrizione di nuove imprese presso le Camere di Commercio, immediatamente e unitariamente le Associazioni nazionali di categoria hanno scritto al MSE per evidenziarne le problematicità, avanzare sintetiche proposte risolutive, e chiedere un incontro mirato.
Con la circolare n. 3659 (in allegato) non solo il MSE ha fornito un’ interpretazione complessiva della norma e degli obiettivi del legislatore (vedi punti dall’1 al 4 della circolare), ma ha anche fornito le necessarie indicazioni per gli adempimenti attuativi da parte delle Camere di Commercio (vedi punti da 5 a 7 della circolare) che risolvono dubbi interpretativi e problemi applicativi sia per le imprese già operanti sia per le nuove imprese che chiedono di iscriversi, che da oggi non hanno nessuno ostacolo alla loro iscrizione presso le locali Camere di Commercio.
Il risultato dell’iniziativa politica-sindacale delle associazioni di categoria in questo ambito è una ulteriore dimostrazione (la precedente si riferisce alla battaglia vinta per l’abolizione del famigerato comma 2 dell’articolo 29 del Decreto Liberalizzazioni che tanti danni avrebbe causato alle carrozzerie) di come possa dare risultati eccellenti il lavoro comune e la collaborazione fattiva tra diversi livelli organizzativi della nostra Confederazione, dimostrando così nei fatti la competenza e l’impegno sul piano della tutela e della rappresentanza delle imprese.

Circolare Ministeriale n. 3659.pdf - Dimensioni 808,46 Kb

Torna alle notizie