SEI UN’IMPRESA CON DIPENDENTI E HAI LA NECESSITÀ DI INSTALLARE UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA IN AZIENDA O UN SISTEMA DI LOCALIZZAZIONE (GPS) SUL PARCO VEICOLARE AZIENDALE?

SAPPI CHE…

Nel rispetto dell’art. 4 dello Statuto dei lavoratori (L. 300/1970), l’installazione di impianti audiovisivi, sistemi di localizzazione satellitare e di altri strumenti dai quali derivi, anche potenzialmente, la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori, è consentito per almeno una delle seguenti finalità:

  • Esigenze organizzative e produttive;
  • Sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • Tutela del patrimonio aziendale.

OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

L’imprenditore che impieghi personale dipendente e che voglia installare negli ambienti di lavoro impianti di videosorveglianza e/o sistemi GPS sui veicoli aziendali prima di installare l’impianto, DEVE:

a) aver sottoscritto un accordo con le rappresentanze sindacali unitarie o aziendali, se presenti.

Oppure, in assenza:

b)aver ottenuto preventiva autorizzazione dall’Ispettorato Territoriale del Lavoro per l’installazione delle apparecchiature.

L’obbligo della sottoscrizione dell’accordo sindacale o del rilascio dell’autorizzazione da parte dell’ITL è previsto anche per il solo controllo notturno delle aree aziendali interne ed esterne (come ad esempio: aree di transito, varchi di accesso, parcheggi, piazzali, ingressi).

Il datore di lavoro potrà utilizzare le informazioni raccolte con tali strumenti a condizione che  consegni al lavoratore adeguata informativa sulle modalità d’uso degli impianti audiovisivi o di geolocalizzazione e sulle modalità di trattamento dei dati del dipendente, nel rispetto di quanto disposto dalla normativa in materia di Privacy.

Siccome la tipologia di trattamenti mediante l’uso di nuove tecnologie può presentare un rischio elevato per i diritti e le libertà delle persone fisiche, è obbligatorio predisporre anche la valutazione d’impatto (DPIA): procedura prevista dall’articolo 35 del Regolamento UE/2016/679 (RGPD) che esamina un trattamento di dati valutandone il rispetto ai principi privacy e i relativi rischi allo scopo di programmare le misure tecniche ed organizzative idonee ad affrontarli.

SANZIONI

In caso di violazione di questi obblighi è prevista l’ammenda da € 154 a € 1.549 o l’arresto da 15 giorni ad 1 anno, salvo che ricorrano gli estremi del più grave reato. Sono solitamente considerate violazioni di maggiore gravità:

–  l’installazione di telecamere fisse che inquadrino in modo diretto ed esclusivo l’attività lavorativa dei dipendenti oppure i luoghi utilizzati dai dipendenti per la pausa o per la consumazione di pasti;

– l’assenza delle finalità che legittimano l’installazione delle videocamere, vale a dire le esigenze organizzative, produttive, di sicurezza del lavoro e di tutela del patrimonio aziendale;

– l’installazione degli impianti ad insaputa del lavoratore, ad eccezione dei c.d. controlli difensivi, ossia quei controlli diretti ad accertare specifiche condotte illecite del lavoratore diversi dal mero inadempimento della prestazione lavorativa.

L’Ufficio Privacy di CNA offre un servizio di consulenza ai fini della presentazione dell’istanza all’Ispettorato Territoriale del Lavoro competente.

[dt_button link=”https://www.cnapavia.it/videosorveglianza-gdpr-privacy/” target_blank=”false” button_alignment=”default” animation=”fadeIn” size=”medium” style=”default” bg_color_style=”default” bg_hover_color_style=”default” text_color_style=”default” text_hover_color_style=”default” icon=”fa fa-chevron-circle-right” icon_align=”left”]La nostra guida sulla videosorveglianza e la privacy[/dt_button]

 


 

Tutte le aziende, raccogliendo e trattando dati personali (come ad esempio: dipendenti, clienti e fornitori) sono soggette al Regolamento Europeo sulla Privacy (GDPR 679/2016) che stabilisce come garantire la correttezza, riservatezza e integrità dei dati delle persone fisiche. CNA ti ricorda l’obbligo di adeguare la tua impresa al GDPR, gestendo a norma di legge gli adempimenti obbligatori per il trattamento dei dati personali.

L’ufficio Privacy predispone i documenti necessari all’adeguamento (informative, lettere di designazione, atti giuridici di nomina dei Responsabili al trattamento, Registri dei trattamenti, DPIA videosorveglianza, etc.) e individua le misure di sicurezza in piena conformità alle norme privacy.

Privacy: cosa fare per mettersi in regola – CNA PAVIA

 

PER INFORMAZIONI:

Claudia Salemme – Tel.: 0382.433135 /112 – Mail: c.salemme@cnapavia.it