Finalità

Con l’iniziativa AL VIA, Regione Lombardia e Finlombarda intendono supportare nuovi investimenti da parte delle PMI, al fine di rilanciare il sistema produttivo e facilitare la fase di uscita dalla crisi socio-economica che ha investito anche il territorio lombardo. La nuova Linea Investimenti Aziendali Fast finanzia investimenti su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo ivi compresi quelli legati all’adeguamento ai nuovi protocolli sanitari e di sicurezza in seguito all’emergenza Covid-19.

Dotazione finanziaria complessiva

Per finanziamenti: 340 milioni di euro

Per il Fondo di Garanzia: 82 milioni di euro

Per i contributi in conto capitale: 51,5 milioni di euro

Soggetti beneficiari

Possono presentare domanda per tutte le linee, le PMI aventi sede legale in Lombardia, già costituite e iscritte al Registro delle imprese ed attive da almeno 24 mesi aventi un codice ATECO primario appartenente ad una delle seguenti categorie:

C – Attività manifatturiere;

F – Costruzioni;

H – Trasporto e magazzinaggio;

J – Servizi di informazione e comunicazione;

M – Attività professionali, scientifiche e tecniche;

N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese.

Possono inoltre presentare domanda, indipendentemente dal codice ATECO di appartenenza, le PMI iscritte all’Albo delle imprese agromeccaniche di Regione Lombardia.

Progetti e spese ammissibili

I progetti devono essere collegati alla Strategia di Specializzazione Intelligente (S3 – Aerospazio, agroalimentare, eco-industria, industrie creative e culturali, industria della salute, manifatturiero avanzato, mobilità sostenibile) di Regione Lombardia.

Sono ammesse le seguenti tipologie di spesa, al netto di IVA, sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda e sino al termine ultimo per la realizzazione del Progetto:

a) acquisto di macchinari, impianti specifici e attrezzature, arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive;

b) acquisto di sistemi gestionali integrati (software & hardware);

c) acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione;

d) opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati, anche finalizzati all’introduzione di criteri di ingegneria antisismica, nel limite massimo del 20% del totale delle spese ammissibili e costituiscono spesa ammissibile solo se correlate e funzionali all’installazione dei beni di cui alle lettere a) e b);

e) ulteriori tipologie di spese nel limite del 15% del totale delle spese ammissibili:

  • macchinari relativi ai sistemi di misurazione e controllo della temperatura corporea a distanza, anche con sistemi di rilevazione biometrica;
  • sistemi software e sistemi IOT per il distanziamento e la sicurezza dei lavoratori connessi alle esigenze normative in ambito sanitario;
  • interventi strutturali all’impianto di aerazione della struttura finalizzate al miglioramento della sicurezza sanitaria;
  • rimodulazione e ri-progettazione del layout degli spazi di/per lavoro connessi alle esigenze normative in ambito sanitario;
  • spese di consulenza riferite ai punti precedenti.

I progetti devono essere realizzati nel termine massimo di 8 mesi a partire dalla data del decreto di concessione del contributo in conto capitale e della Garanzia (proroga fino a 2 mesi), nel termine massimo del 30 maggio 2023.
Sono ammissibili i progetti che prevedono investimenti di importo compreso tra i 100 mila e gli 800 mila euro.

Tipologia ed entità dell’agevolazione

La linea si compone di:

  • un finanziamento a medio-lungo termine, con importo compreso tra 85 e 760 mila euro, durata tra 3 e 6 anni (di cui massimo 18 mesi di preammortamento).

I finanziamenti sono erogati per una quota compresa tra il 20% e il 70% alla sottoscrizione del contratto di finanziamento e per la restante quota a conclusione del progetto.

  • Un contributo a fondo perduto in conto capitale pari al 15% dell’investimento ammissibile, in regime di aiuto del Quadro temporaneo. Al termine di validità del Quadro Temporaneo (concessione dell’agevolazione entro il 31 dicembre 2020, salvo proroghe) il contributo a fondo perduto in conto capitale è compreso tra il 5% e il 15% dell’investimento ammissibile a seconda della dimensione dell’impresa, del regime di aiuto selezionato dall’impresa richiedente, alla dimensione dell’investimento e/o alla dimensione di impresa.
  • Una garanzia regionale gratuita è rilasciata a favore dell’impresa richiedente a copertura di massimo il 70% dell’importo di ciascun finanziamento.

Presentazione delle domande

La Domanda può essere presentata esclusivamente per mezzo di SiAge a partire dalle ore 10.00 del giorno 22 settembre 2020 e sino al 30 giugno 2021.

Tipologia di procedura

L’assegnazione del contributo avverrà sulla base di una procedura valutativa a sportello.

Sei un’azienda associata? Puoi presentare la tua domanda di partecipazione al bando affidandoti a CNA.

Contattaci per maggiori informazioni:
Responsabile Area Bandi e Competitività
Tiziana Zecca  ?: 0382433134  ✉️: t.zecca@cnapavia.it

Claudia Salemme ?: 0382433135 ✉️: c.salemme@cnapavia.it

[dt_button link=”https://www.cnapavia.it/wp-content/uploads/2020/09/Bando_Al_Via_versione_integrale.pdf ” target_blank=”false” button_alignment=”default” animation=”fadeIn” size=”medium” style=”default” bg_color_style=”default” bg_hover_color_style=”default” text_color_style=”default” text_hover_color_style=”default” icon=”fa fa-chevron-circle-right” icon_align=”left”]CONSULTA IL BANDO[/dt_button]

Le altre notizie