Il Bando è finalizzato all’efficientamento energetico delle PMI, con particolare riferimento alle imprese la cui attività comporta notevoli consumi energetici.

 

SOGGETTI BENEFICIARI
Le Piccole e Medie Imprese, con i seguenti requisiti:
– partita IVA registrata nelle sezioni del codice ATECO B (Estrazione di minerali da cave e miniere) o codice ATECO C (Attività manifatturiere);
– costituite da almeno 2 anni ed iscritte nel Registro delle imprese;
– se si tratta di imprese di servizi, costituite sotto forma di società;
– la sede operativa (o le sedi operative) per cui viene chiesto il contributo in Lombardia e mantengano tale requisito al momento della richiesta di liquidazione del contributo;
– nel pieno e libero esercizio dei propri diritti: non siano in stato di fallimento o di liquidazione (anche volontaria) o di amministrazione controllata o di concordato preventivo ;
– non rientrano tra le imprese che hanno ricevuto e non rimborsato o depositato in un conto bloccato aiuti individuati quali illegali o incompatibili dalla Commissione europea;
– in regola con le disposizioni in materia di normativa edilizia ed urbanistica, del lavoro, della prevenzione degli infortuni e della salvaguardia dell’ambiente e con gli obblighi contributivi;
– non  destinatarie, nei tre anni precedenti la domanda, di provvedimenti di revoca totale di agevolazioni concesse dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ad eccezione di quelli derivanti da rinunce;
– non obbligate alla diagnosi energetica, ovvero, non iscritti negli elenchi pubblicati dalla CSEA – Cassa per i servizi Energetici e Ambientali;
– non siano in difficoltà.

Ogni soggetto può presentare una sola domanda anche se riguarda più sedi operative (fino al massimo di 10).

INTERVENTI AMMISSIBILI 
Il bando concede contributi per le seguenti tipologie di interventi di efficientamento energetico:
A) La realizzazione di diagnosi energetiche, la cui conformità è verificata secondo le norme tecniche UNI CEI 16247-1-3.
La diagnosi energetica dovrà essere eseguita in data successiva alla comunicazione di assegnazione del contributo e dovrà essere completata nei successivi 4 mesi.

Entro 24 mesi dalla data di consegna all’impresa del rapporto di diagnosi, dovrà essere realizzato almeno un intervento di efficientamento energetico tra quelli suggeriti dalla diagnosi. E’ consentito protrarre la durata di svolgimento della diagnosi energetica, purché la durata complessiva non superi i 28 mesi dalla data di comunicazione del contributo.

Gli interventi ammissibili potranno avere un valore complessivo fino ad € 16.000,00.

B) L’adozione del sistema di gestione dell’energia conforme alla norma ISO 50001
Il certificato di conformità del sistema di gestione dell’energia alla norma ISO 50001 dovrà essere rilasciato da un organismo terzo, indipendente e accreditato o firmatario degli accordi internazionali di mutuo riconoscimento.

Il suddetto certificato dovrà riguardare l’intera sede operativa e non essere circoscritto ad una sola filiera produttiva; inoltre, dovrà essere acquisito in data successiva alla data di comunicazione del contributo ed entro 28 mesi dalla comunicazione medesima.

Gli interventi ammissibili potranno avere un valore complessivo fino ad € 32.000,00.

Le PMI che ottengono il contributo per la realizzazione della diagnosi energetica in una o più delle loro sedi operative potranno presentare domanda di contributo anche per l’adozione del sistema di gestione ISO 50001 per le medesime sedi operative, previa chiusura dell’istruttoria e liquidazione del contributo relativo alla diagnosi energetica.

SPESE AMMISSIBILI
Sono ammissibili le seguenti voci di spesa:
A) Diagnosi energetica
incarico a tecnici esperti, esterni all’impresa, per la redazione della diagnosi energetica in osservanza dei criteri fissati dalla specifica normativa e delle norme UNI CEI 16247-1-3; eventuale installazione di software o altri dispositivi per la misurazione analitica e dinamica dei consumi energetici della sede produttiva.

B) Sistema di gestione conforme alla ISO 50001
Costo della certificazione di conformità alla norma ISO 50001, rilasciata da un organismo terzo, indipendente e accreditato; costo per prestazioni di consulenza, con incluso il supporto successivo all’acquisizione del certificato di conformità, al fine di facilitare il mantenimento a regime delle modalità di gestione del fabbisogno energetico;
– costo per la formazione al personale, sul contenimento dei consumi energetici;
– costo per l’acquisto di software e di altri dispositivi per la raccolta, la misurazione e l’analisi dei dati, allo scopo di monitorare e migliorare l’efficienza energetica.

Le imprese obbligate alla diagnosi energetica, ovvero iscritte negli elenchi pubblicati dalla CSEA, Cassa per i servizi Energetici e Ambientali, potranno chiedere il contributo unicamente per l’adozione del sistema di gestione ISO 50001, escludendo il costo sostenuto per la diagnosi energetica.
Sono escluse le spese relative agli interventi indicati nella diagnosi per il miglioramento dell’efficienza energetica.

NATURA DELL’AGEVOLAZIONE
Il contributo a fondo perduto copre il 50% delle spese ammissibili per la realizzazione di diagnosi energetiche o per l’adozione del sistema di gestione ISO 5000 in ognuna delle sedi operative in cui svolge la propria attività la PMI, fino ad un massimo di 10 sedi operative. Per ciascuna di esse, il contributo massimo non potrà superare:
€ 8.000 per la diagnosi energetica;
€ 16.000 per l’adozione del sistema di gestione ISO 50001.

Il contributo è cumulabile con altri incentivi concessi da Regione Lombardia o da altri Enti, fatto salvo il rispetto dei limiti previsti dal Regolamento de minimis.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA
La domanda può essere presentata dalle ore 10:00 del 24 febbraio 2020 alle ore 16:00 del 31 marzo 2022.
Le domande verranno esaminate sulla base di una procedura valutativa a sportello.

PER INFORMAZIONI
Resp. Area bandi e Competitività
Tiziana Zecca – Tel. 0382 343134 – E.mail: t.zecca@cnapavia.it

Claudia Salemme – Tel. 0382 343135 – E.mail: c.salemme@cnapavia.it

[dt_button link=”https://www.cnapavia.it/wp-content/uploads/2020/02/SEO5_30-01-2020.pdf” target_blank=”true” button_alignment=”default” animation=”fadeIn” size=”medium” style=”default” bg_color_style=”default” bg_hover_color_style=”default” text_color_style=”default” text_hover_color_style=”default” icon=”fa fa-chevron-circle-right” icon_align=”left”]CONSULTA IL BANDO[/dt_button]

Le altre notizie