Le semplificazioni trattano in particolare i problemi dell’eccesso di adempimenti burocratici, aggravati dalla situazione di emergenza del Paese, che sinora hanno frenato l’accesso al Bonus.

 

Il 28 maggio 2021 è stato approvato il decreto legge Semplificazioni che ha apportato alcune modifiche alle procedure relative al Super Bonus 110%.

Le semplificazioni trattano in particolare i problemi dell’eccesso di adempimenti burocratici, aggravati dalla situazione di emergenza del Paese, che sinora hanno frenato l’accesso al Bonus.

 

La prima importante novità è che non sarà più necessario produrre l’attestazione di stato legittimo dell’immobile.

L’eliminazione di questa attestazione comporta un notevole risparmio di spesa e di tempo per adempimenti burocratici.

 

Altra importante novità è che gli interventi per l’efficientamento energetico potranno essere realizzati con una semplice CILA (Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata). In questo modo si accelerano gli interventi di efficientamento energetico e antisismico e si eliminano le lunghe attese per accedere alla documentazione degli archivi edilizi dei Comuni.

 

Per favorire l’efficientamento energetico e l’ammodernamento degli edifici, è stato inoltre esteso l’accesso al superbonus agli interventi volti alla rimozione delle barriere architettoniche ed alle case di cura, agli ospedali, poliambulatori, caserme, collegi e convitti, cioè agli immobili nelle categorie catastali B/1, B/2 e D/4.

È saltata invece l’estensione auspicata agli alberghi e le altre strutture ricettive, ossia agli immobili che rientrano nella categoria catastale D/2.

_____________________________________

_____________________________________

per maggiori info: c.ventura@cnapavia.it – 0382 433130

Le altre notizie