Una nostra vittoria a beneficio delle imprese e alla crescita economica del Paese.

Il Governo ha raccolto l’allarme lanciato dalla CNA sulla necessità di rifinanziare la Nuova Sabatini. Ora è necessario verificare l’adeguatezza delle risorse stanziate rispetto alle domande che si riattiveranno.

Il rifinanziamento della Nuova Sabatini dal Consiglio dei Ministri per un totale di 600 milioni di euro assicura continuità a uno degli strumenti più efficaci per supportare le piccole e medie imprese nell’acquisto di beni strumentali.

Nell’ottica di garantire continuità alla misura e certezze alle imprese, CNA invita il Governo a verificare in itinere l’adeguatezza delle risorse stanziate rispetto alla domanda di contributo che si riattiverà a seguito della riapertura dello sportello presso il Mise.

Le domande trasmesse in data antecedente al 1° gennaio 2021, per le quali sia stata già erogata in favore delle PMI beneficiarie almeno la prima quota di contributo, il Ministero può procedere ad erogare le successive quote di contributo.

La misura mira, inoltre, ad equiparare il trattamento delle imprese beneficiarie della “Nuova Sabatini”, consentendo l’erogazione accelerata delle rimanenti quote di contributo in favore di tutte le PMI, indipendentemente dalla data di presentazione della domanda e dall’importo del finanziamento.

 

PER INFORMAZIONI
Responsabile Area Bandi e Competitività
Tiziana Zecca ?: 0382.433134   ✉️: t.zecca@cnapavia.it
Claudia Salemme ?: 0382.433135   ✉️: c.salemme@cnapavia.it